Materassi

Materassi: quando è necessario sostituirli?
1 Aprile 2019 Administrator

Come tanti altri prodotti, anche i materassi hanno una «data di scadenza», vale a dire un tempo massimo entro il quale andrebbero sostituiti. A seconda della qualità, della tipologia del materiale, della frequenza nell’utilizzo e nella manutenzione, questo lasso di tempo può variare parecchio: generalmente, comunque, i materassi andrebbero cambiati dopo circa 10 o 12 anni.

Come riconoscere un materasso in cattive condizioni?

Dormire su un vecchio materasso è un’esperienza molto spiacevole e, probabilmente, vi sveglierete con un brutto mal di schiena. Ciò accade perché, a lungo andare, la struttura interna dei materassi perde elasticità e non è più in grado di accogliere e sostenere il peso del corpo: capita spesso, infatti, di avvertire un «vuoto» nella parte centrale, o addirittura di toccare la rete sottostante. In altri casi, l’imbottitura deformata dall’uso frequente crea degli scomodissimi bozzi, che renderanno parecchio fastidiosa qualsiasi posizione.

Quando ciò accade, è un chiaro segno che il materasso sta per cedere!

Altri segnali di usura, tuttavia, sono meno visibili, ma non per questo meno importanti.

I vecchi materassi sono pericolosi anche per l’accumulo di germi e batteri. Durante il sonno, infatti, il corpo umano rilascia sudore e umidità, il che favorisce la proliferazione di muffe, funghi e microrganismi. Anche la scarsa igiene e areazione della camera da letto provoca il depositarsi della polvere, causando problemi respiratori o reazioni allergiche.

Infine, se vi capita frequentemente di svegliarvi con dolori alla schiena, alla zona cervicale o alle spalle, è il caso di valutare se il vostro materasso sia davvero adatto a voi: se troppo rigido o, al contrario, eccessivamente molle, potreste assumere una posizione errata.

Come smaltire correttamente un vecchio materasso?

Se è arrivato il momento di acquistare un nuovo materasso, ricordate che non basta disfarsi di quello vecchio! I materassi in disuso, considerati dalla normativa come oggetti ingombranti, non possono essere gettati per strada o nei cassonetti della spazzatura.

Al contrario, occorre rivolgersi agli enti comunali che si occupano dello smaltimento dei rifiuti speciali e prenotare il ritiro del materasso presso la propria abitazione: un’operazione semplice, che può trasformarsi in un’ottima occasione per liberare la casa da mobili, elettrodomestici ed altri oggetti che non utilizzate ed ottenere spazio prezioso!

Perché acquistare un nuovo materasso?

Comprare un nuovo materasso significa dormire meglio, ridurre infiammazioni e dolori alla schiena, tutelare la propria salute. I motivi per acquistare un buon materasso sono numerosi e, sul mercato, non mancano le occasioni con un ottimo rapporto qualità/prezzo.

Recandovi presso gli showroom Fabricatore , presenti nelle principali città italiane, potrete provare i nuovi materassi memory e trovare il prodotto giusto per voi.