Musica per dormire

Musica per dormire
18 Novembre 2019 Administrator

Musica per dormire – metodi per dormire

Dormire bene è fondamentale per il nostro benessere! L’insonnia non solo rende più difficile affrontare la giornata, ma è anche connessa all’insorgenza di diversi problemi di salute dal diabete alla pressione alta, all’obesità, e aumenta il rischio di malattie cardiache.

L’insonnia è molto comune, il 30-40% delle persone ha sintomi rilevanti dovuti all’insonnia. Vari sono i suggerimenti degli esperti per risolvere il problema:  evitare cibi e bevande speziate e con caffeina, evitare uso di prodotti elettronici, dormire in una stanza buia ed altri, ma ci vogliamo soffermare in particolare sull’ ascoltare musica prima di dormire.

Relazione corpo musica – musica rilassante per dormire

I risultati delle ricerche scientifiche orientate a comprendere su quali meccanismi fisiologici interviene la musica, hanno stabilito che questa è in grado di influenzare l’asse ipotalamo – ipofisario e il sistema nervoso autonomo (lo stesso che controlla altre funzioni involontarie come la digestione e il battito cardiaco). Agendo a tali livelli, il suono sarebbe capace di modulare una serie di risposte metaboliche.

Il benessere mentale che si sperimenta mentre si ascolta un brano musicale, ad esempio, sarebbe dovuto alla capacità della melodia di attivare nel cervello le reti neurali correlate al piacere: le note innescano la produzione di endorfine, le quali migliorano l’umore, favoriscono il rilassamento e il recupero metabolico dello stress.

Inoltre è provato scientificamente da vari studi  che la musica tende ad abbassare la pressione sanguigna.

Musica per dormire subito e profondamente

La musica si è dimostrata altamente efficace nel migliorare la qualità del sonno. In uno studio che vedeva coinvolti soggetti di età avanzata, la qualità del sonno migliorava, come anche le attività diurne, dopo tre mesi di ascolto di musica lenta e sedativa. Studi simili hanno dimostrato una riduzione delle interruzioni e un prolungamento del sonno REM in adulti con insonnia.

Gli studi scientifici hanno evidenziato che la scelta della musica per rilassarsi e dormire  dovrebbe prediligere alcune categorie, ad esempio la musica strumentale è da prediligere perché il cantato stimola troppo il cervello.

Inoltre secondo uno studio pubblicato su Nature sarebbero da evitare canzoni conosciute, perché quando le persone ascoltano la propria musica preferita, indipendentemente dal tipo, si attivano le stesse aree del cervello dei ricordi e dei pensieri privati e si innescano emozioni.

Infine, la musica rilassante per dormire profondamente dovrebbe avere un ritmo costante, senza sbalzi di velocità, e basso (50-60 battiti al minuto) per consentire al battito cardiaco di sincronizzarsi con la musica.

Cosa ascoltare per dormire

  • Musica classica: in particolare melodie soft come quelle di Claude Debussy, Chopin, Bach o Yiruma.
  • Suoni della natura: ascoltare la pioggia, il suono degli uccelli o le onde del mare, è molto utile per prendere sonno.
  • Le onde delta: ovvero l’ascolto di musiche che emettono onde delta, cioè con una frequenza tra 0,1 – 3,9 Hz. Il motivo? «Si entra da svegli nello stato più profondo, del rilassamento, simile a quello che si prova nella prima fase del sonno, quando il cervello attraverso i suoi meccanismi elettrochimici, produce, appunto, onde delta». Le onde delta derivano da suoni di strumenti ancestrali, come il gong e le campane tibetane o i canti gregoriani.
  • Musica onde alfa: alcuni studiosi hanno rivelato che, per potenziare la produzione delle onde alfa è necessario stimolare il cervello tramite l’ascolto binaurale di onde sonore con una frequenza variabile, tra 7 a 13 Hz.
  • Musiche zen.

Acquista online i prodotti Fabricatore di alta qualità o vieni a trovarci nei nostri punti vendita!