Quanto bisogna dormire?

Quanto bisogna dormire? Ecco le indicazioni per ogni età
16 Aprile 2019 Administrator

Quanto bisogna dormire in base all’età?

Il sonno è un aspetto a dir poco essenziale per il nostro benessere. Alzi la mano chi non si è mai sentito stanco ed irritabile dopo una notte in bianco! Quando i disturbi del sonno diventano cronici, il corpo e la mente ne risentono enormemente: ansia, problemi cardiaci, difficoltà nello studio, scarsa concentrazione, fame nervosa, ecc.. Dunque, per essere certi di riposare per almeno un numero adeguato di ore, è importante sapere quanto bisogna dormire in base all’età!

Non tutti sanno, difatti, che le ore di sonno necessarie per star bene aumentano (o diminuiscono) a seconda della fase della vita. I neonati e i bambini piccoli, ad esempio, tendono a dormire molte ore in più, rispetto ad una persona adulta o ad un anziano. Ecco, dunque, un articolo che vi mostrerà quante ore bisogna dormire a notte per affrontare la giornata con la giusta energia!

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Quanto deve dormire un neonato?

Il «fabbisogno di riposo» di un bebè è molto, molto elevato. Durante i primi mesi di vita, i neonati tendono a trascorrere quasi 18 o 20 ore a letto! Tuttavia, si tratta di un sonno piuttosto discontinuo, poiché interrotto dalle frequenti pause per la pappa e per i bisogni fisiologici.

Quanto si deve dormire da bambini?

Man mano che si cresce, il numero di ore trascorse a «nanna» diminuisce gradualmente. Già intorno ai 6-8 mesi, ad esempio, 15 ore di sonno sono più che sufficienti; mentre, a partire dai primi anni di età, il riposo notturno si ferma a 10-12 ore per notte. Per un bambino in età scolare, le ore a letto sono ancora di meno: difficilmente, infatti, una dormita supererà le 10 ore di fila!

Quanto bisogna dormire da adulti?

Per gli adulti, le cose cambiano tantissimo. Una volta superata l’adolescenza, infatti, entrano in gioco abitudini e differenze soggettive. Di fatto, mentre alcune persone hanno bisogno di dormire almeno 9 ore a notte per sentirsi in forma, altre si «accontentano» di un sonno di circa 6 o 7 ore.
Altrettanto soggettiva è la suddivisione del sonno: c’è chi tende a riposare solamente nelle ore notturne e chi preferisce schiacciare un pisolino a metà giornata. Quanto dormire il pomeriggio? Per evitare di interferire con il ritmo sonno/veglia, il riposino pomeridiano non dovrebbe durare più di un paio d’ore: giusto il tempo di recuperare le forze e tornare alle proprie attività!

Quanto deve dormire un anziano?

Nella terza età, le ore di sonno si riducono ulteriormente. Un anziano, infatti, difficilmente dormirà più di 5 o 6 ore per notte, specialmente dopo i 65-70 anni. Pur dormendo meno, tuttavia, le persone in età avanzata tendono a trascorrere molto tempo a letto, soprattutto quando insorgono patologie legate alla vecchiaia. In questi casi, è fondamentale scegliere un materasso di prima qualità, resistente e traspirante, che offra il giusto comfort sia di notte che per l’uso giornaliero.

Dormire troppo fa male?

Sappiamo tutti che la privazione del sonno, a lungo andare, crea problemi anche molto gravi. Vale, tuttavia, la stessa cosa per il contrario? In altre parole: dormire troppo fa male? La risposta è: sì!

Così come non dovremmo mai scendere sotto la soglia di 6 ore a notte, ugualmente non bisogna superare la quota di 9 ore di sonno. Chi dorme troppo (o troppo poco), secondo vari studi, ha maggiori probabilità di ammalarsi di diabete, di sviluppare ansia, depressione ed obesità. Come capire, quindi, quanto bisogna dormire? Semplice: ascoltando il proprio corpo, mantenendo un ritmo regolare ed evitando gli eccessi!